Sonetti romaneschi II/Er Canonico novo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un Papa antico Le du' porte


[p. 185 modifica]


ER CANONICO NOVO


 
     Io la lingua latina nu la so,
Ma mme disce er barbiere che la sa,
Ch’er Canonico c’hanno fatto mo
Quiggiú a la Bbocca-de-la-Verità, 1
              
     Cuann’in coro coll’antri ha da cantà,
Come l’uffizio fussi un pagarò, 2
Inciafrujja ciascià cciscí cciosciò,
Ma un cazzo3 legge lui cuer che cce sta.
              
     A sta maggnèra4 puro5 io e ttu
Faressimo er canonico accusí,
Si abbasta a ssapé ddí ccescè cciusciù.
              
     E a sta ggente, per dio, che nnun za ddí
Manco in latino er nome de Ggesù,
Er pane nostro s’ha da fà iggnottí?!6

no match[modifica]

Roma, 1° dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Su questa chiesa vedi il son…
  2. Il pagherò è una certa polizzettaccia indecifrabile, che si da a’ giuocatori del lotto per riscontro delle loro giuocate, e qual biglietto all’ordine in caso di vincita.
  3. Per nulla. Si batte la voce sulla prima vocale, con energia.
  4. Maniera.
  5. Pure.
  6. Inghiottire.