Sonetti romaneschi II/Er Nibbio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Nibbio

../Le frebbe ../Er zoffraggio IncludiIntestazione 25 aprile 2010 25% Sonetti

Le frebbe Er zoffraggio


[p. 225 modifica]


ER NIBBIO


 
     Viette2 cqui a ppettinà, pporca, maligna,
Perfida, cocciutaccia,3 profidiosa. 4
Lo sai cuant’è cche nun ze fa sta cosa?
Da st’ottobbre c’annassimo a la vigna.
              
     Che sserve? io strillo, e llei la pidocchiosa
M’arivorta le spalle e sse la ghigna!
Te vòi da vero fà vviení la tigna,
Come si ffussi ggià ppoco tignosa? 5
              
     Vale ppiú cquer tantin de pulizzía
Che nun zo cche mme dí:6 ma
=== no match ===
a tté ssull’occhi
Se tratta che tte viè la porcheria.
              
     T’abbasti de l’affare de li ggnocchi
C’hai fatti jjeri. In de la parte mia
Sortanto sce contai sette pidocchi.


Roma, 8 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Nome che si dà alle teste incolte e scompigliate.
  2. Vieni, ecc.
  3. Ostinata.
  4. Pertinace con malignità.
  5. Tignoso dicesi tanto a chi soffre di tigna, quanto a colui che pecca di ostinazione.
  6. Vale più ciò, che qualunque altra cosa ch’io mi sappia dire.