Sonetti romaneschi II/Er Zerrajjo novo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Zerrajjo novo

../Le cose pretine ../Un indovinarello II IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Le cose pretine Un indovinarello II


[p. 264 modifica]


ER ZERRAJJO NOVO


 
     Si vvò imparà, ttu ddamme retta, damme;
E io te spiegherò ttutt’er zerrajjo.
Du’ serpenti sce sò ppieni de squamme
Che ccianno un collarino cor zonajjo. 1
              
     Poi sc’è la salamandra, si nun sbajjo,
Che ppò vvive tramezzo de le fiamme.
Doppo er leofante, ch’è ttutto d’un tajjo
Senza le congiunture in de le gamme. 2
              
     Poi sc’è l’uscello che ttiè un rifettorio
Immezz’ar petto suo pell’antri uscelli,
Com’è cquello che sta ssopr’ar cibborio. 3
              
     Doppo, e cquesto sta ppuro in de l’avviso,
Ce sò ddu’ pappagalli tanti bbelli,
Che ttiengheno la razza in paradiso.4

no match[modifica]

Roma, 21 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Il serpente a sonaglio.
  2. È volgare opinione che l’elefante non abbia articolazione nelle gambe.
  3. Il pellicano.
  4. L’uccello del paradiso.