Sonetti romaneschi II/Er barbiere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er teatro Valle La ggiustizia è cceca


[p. 85 modifica]


ER BARBIERE


 
     Sor barbieretto mio da tre ssciuscelle 1
Mo adesso v’ho da dí ttre ccose vere:
Fà la bbarba e nnun fà scorticarelle
Cuest’è ll’arte de guasi ogni bbarbiere.
              
     Se dà cquarche bbarbiere e pperucchiere
Che ffa scorticarelle e ppelarelle:
Ma nun zete2 che vvoi c’abbi er mestiere
De lassà er pelo e pportà vvia la pelle.
              
     Sor barbiere der tinche1 e de la zzugna, 1
Duncue perché pe ffamme fà ggonfietto
V’ingegnate cor fico e cco la bbrugna? 3
              
     Ah nnorcino,4 ah ssciattino5 mmaledetto,
Pe ttrovà chi sse castra e cchi sse sgrugna
Va’ a la salita de Crescenzi e in ghetto.


7 febbraio 1832 - De Peppe er tosto

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Da nulla.
  2. Séte: siete.
  3. Si narra di un barbiere che per far rilevare la parte di gota che doveva radere, introduceva nella bocca del paziente alcuna cosa di queste. Un semplice s’ingoiò la sua prugna, e il barbiere esclamò: “Ah! ci avevo fatto sei barbe, e proprio voi ve la siete mangiata!„.
  4. Gli abitanti di Norcia sono famosi per uccidere i maiali e prepararne le carni: e però chiunque esercita questo mestiere è chiamato norcino.
  5. Nome degli uccisori legali di bestie fra gli ebrei romani.