Sonetti romaneschi II/Er call'e 'r freddo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er call'e 'r freddo

../La strega ../Er parlà bbuffo IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

La strega Er parlà bbuffo


[p. 409 modifica]


ER CALL'E 'R FREDDO


 
     Er callo1 che dd’istate ciariscalla 2
Dio fa cche dda la terra se sollevi
E ar tornà dde l’inverno l’ariscevi 3
La terra, c’ha la forma d’una palla.
              
     Ecco spiegato perché vvedi, Lalla, 4
Che ll’acqua ch’essce da Funtan-de-Trevi
E oggn’acqua che cce lavi e cche cce bbevi,
D’istate è ffredda, eppoi d’inverno è ccalla.
              
     Tu discorri co mmé, fijja, discorri;
E ssappi c’ar bicchiere inummidito
J’intraviè5 ccom’a tté cquanno che ccorri.
              
     Appena l’acqua fresca te l’ha empito
Ar bicchiere je s’opreno6 li porri, 7
E ssuda: seggno che nnun è ppulito.


Roma, 3 febbraio 1833


Note

  1. Caldo.
  2. Ci riscalda.
  3. Lo riceva.
  4. Adelaide.
  5. Gli accade.
  6. Si aprono.
  7. Pori.