Sonetti romaneschi II/Er callarone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er callarone

../La santa Messa ../Er tisico IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

La santa Messa Er tisico


[p. 329 modifica]


ER CALLARONE


 
     Propio è una smania de trincià la pelle
De sti servi de ddio cuer dinne2 tante!
Se chiama propio un volé ffà l’entrante
Sopra le cose senza mai sapelle!
              
     Guarda su cquella porta cuanti e cquante
Poverelli affamati e ppoverelle
Preparà li cucchiari e le scudelle
Pe la bbobba3 avanzata ar zoccolante.
              
     Senza li frati, che ttu cchiami avari,
Come farebbe inzomma a ttirà vvia
Sta frega4 de scudelle e dde cucchiari?
              
     Sèntime: infin che cc’è una porteria
Che ss’opri a ssatollà li secolari,
Nun pò vvédese ar monno caristia.

no match[modifica]

Roma, 8 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Calderone.
  2. Quel dirne.
  3. Minestra di pane, sovente abborrata di altre grosse sostanze.
  4. Moltitudine.