Sonetti romaneschi II/Er callo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er callo

../L'inverno ../L'istate IncludiIntestazione 27 marzo 2013 25% Sonetti

L'inverno L'istate


[p. 419 modifica]

 
     Uff! che bbafa2 d’inferno! che callaccia!
Io nun ho arzato un deto3 e ggià ssò4 stracca:
oh cche llasseme-stà!5 ssento una fiacca,
che nnun zò bbona de move6 le bbraccia.
              5
     Sto nnott’e ggiorno co li fumi in faccia,
sudanno7 a ggocce peggio d’una vacca;
che inzino la camiscia me s’attacca
su la pelle. Uhm, si ddura nun ze caccia. 8
              
     Ho ttempo a ffamme9 vento cor ventajjo,
10a bbeve10 acqua e sguazzamme11 a le funtane:
è ttutto peggio, perché ppoi me squajjo.
              
     P’er maggnà, ccrederai? campo de pane.
E nnun te dico ggnente der travajjo
de ste purce,12 ste mosche e ste zampane.13


Roma, 7 febbraio 1833


Note

  1. Caldo.
  2. Afa.
  3. Alzato un dito.
  4. Sono.
  5. Il lassame stà (lasciami stare) è quella mala voglia che nasce da lassitudine.
  6. Muovere.
  7. Sudando.
  8. Non si cava, cioè: «non se ne esce vittoriosi».
  9. Farmi.
  10. Bere.
  11. Sguazzarmi.
  12. Pulci.
  13. Zanzare.