Sonetti romaneschi II/Er cassiere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La cannonizzazione Li Morti arisusscitati


[p. 332 modifica]


ER CASSIERE


 
     Er riscritto disceva: Antonio Ulivo
Sino da ggiugno scorzo è ggiubilato.
Dunque io curze a pijjà er cuantitativo,
Che ffasceva er currente e ll’arretrato.
              
     Disce: “Indov’è la fede der curato
Che ffacci vede che vvoi sete vivo?„
“Oh bbella! e io chi ssò, ssiat’ammazzato,
Io che parlo, cammino e ssottoscrivo?„.
              
     Guasi m’era vienuta bbizzarria
De ddajje er calamaro1 in mezz’ar gruggno,
Com’attestato de la vita mia.
              
     Nun je stavo davanti a cquer burzuggno? 2
Pascenza avessi avuto fantasia
D’avé una prova ch’ero vivo a ggiugno.


Roma, 9 gennaio 1833


Note

  1. Nella pronuncia dell’infimo volgo la voce calamaio si avvicina meglio alla sua correttezza, che in quella de’ meno volgari, ed anzi di molti cittadini, i quali dicono callamaro: né manca chi, per vezzo di analogia, la corregga in caldamaro, dacché non callo ma caldo la buona ortoepia richiede ai retti parlatori.
  2. Goffo, rustico.