Sonetti romaneschi II/Er cimiterio in fiocchi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er cimiterio de la Morte La sborgna


[p. 235 modifica]


ER CIMITERIO IN FIOCCHI


 
     Chi nun vede nun crede, sor Valerio.
Io nun zo in cuar paese sce se possi
Fà ppiú bbelli lavori, e ffini e ggrossi,
De cuelli de la Morte ar Cimiterio!
              
     Ve dico propio ch’è un affare serio
De sscejje li ppiú bbianchi e li ppiú rossi,
E ffà ppuro li fiori a fforza d’ossi!
Anime sante, che bber rifriggerio!
              
     Come vòi ch’er Zignore, si ppe ssorte
Tutti sti ggiucarelli l’ha ssaputi
Che ssò in zuffraggio de le ggente morte,
              
     Come vòi, dico, che ssi ll’ha vveduti,
Lui nun spalanchi subbito le porte
A cquell’anime sante, e nnun l’ajjuti?


Roma, 10 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. In pompa. Tutto ciò che si vede in quel Cemetero, e di suppellettili e di ornamenti, è fabbricato di resti umani, tolti per questo uficio dal loro sacro riposo.