Sonetti romaneschi II/Er ciscerone a spasso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er ciscerone a spasso

../La poverella II ../Er legno a vvittura IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

La poverella II Er legno a vvittura


[p. 119 modifica]


ER CISCERONE A SPASSO


 
     Se commatte,2 monzú, co la miseria.
Cosa sce s’ha dda fà? ttrist’a cchi ttocca.
Da sí3 cche vve portà a la Ninf’Argeria
Nun ciò4 ppane da metteme a la bbocca.
              
     Abbito drent’a un búscio de bbicocca 5
Da fa rride sibbè cch’è ccosa seria.
Llí cce piove, sce grandina e cce fiocca,
Come disce sustrissimo in Zibberia.
              
     La cuccia mia nu la vorebbe un frate,
Ché ddormo, monzú mmio, s’un matarazzo
Tarquàle6 a ’na saccoccia de patate.
              
     Sò annato scento7 vorte su a ppalazzo
A cchiede ajjuto ar Papa: e indovinate
Cosa m’ha ddato er zanto-padre: un cazzo.


All’osteria del fosso, 13 novembre 1832, Der medemo


Note

  1. Senza impiego.
  2. Combatte.
  3. Da quando.
  4. Non ci ho: non ho.
  5. Semplicemente “casolare„.
  6. Tal quale.
  7. Cento (con la c strisciata, come in altri luoghi di questo medesimo sonetto).