Sonetti romaneschi II/Er codisce novo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
E sse magna! Le cose perdute


[p. 110 modifica]


ER CODISCE NOVO


 
     Poveri gonzi,2 currete, currete
A llegge3 sti lenzoli a li cantoni:
Che vve penzate, poveri cojjoni?,
De trovacce da bbeve pe cchi ha ssete?
              
     Ve lo dich’io si mmai nu lo sapete
Che cce sta scritto in cuelli lenzoloni:
’n’ infirza4 de gastighi bbuggiaroni
Da facce inciampicà5 cchi nun è pprete.
              
     Varda llí! pe ’gni càccola6 ’na Legge, 7
’na condanna, un fraggello, un priscipizzio!,
Accidentacci a cchi ssa scrive e llegge.
              
     Bono c’a ste cartacce chi ha ggiudizzio
Pè mmannajje ’na sarva8 de scorregge 9
Cor pijjà la patente a Ssantuffizzio.10

no match[modifica]

Terni, 9 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Il codice penale, pubblicato in Roma il… 1832.
  2. Sciocchi.
  3. Leggere.
  4. Una filza.
  5. Inciampare.
  6. Minuzia.
  7. Una legge (con entrambe le e larghe).
  8. Salva.
  9. Peti.
  10. I così detti patentati di Sant’Offizio, investiti di certi privilegi molto favorevoli alle impunità.