Sonetti romaneschi II/Er diluvio da lupi-manari

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Per un punto er terno Lo scallassedie


[p. 71 modifica]


ER DILUVIO DA LUPI-MANARI


 
     Ma cche sperpètua! ma cche llùscia2 eh?
Tutta la santa notte, sc? sc? sc?,
Nun ha fatt’antro che sto verzo cquì!,
E gguarda puro mó cquanta ne viè!
              
     Sto tettino de latta accost’a mmé,
Che nnoja! nun m’ha ffatto mai dormí,
Se po ddí inzomma ch’è dda venardí
Ch’er zole nun ze sa si che ccos’è.
              
     Ma ssenti che sgrullone3 è cquesto cquà!
Nun pare che ccominci a ppiove mó?
Che ppioviccicarella, eh?, se pò ddà?
              
     Jèso, che ttempi! e cche cce sta llà ssú!
Cosa seria! va bbene un po’ un po’,
Ma er troppo è troppo, e nnun ze ne pò ppiú!


28 gennaio 1832 - De Pepp’er tosto


Note

  1. È opinione che nelle notti molto piovose alcuni uomini siano assaliti da un male che, togliendoli di ragione, gli spinge urlanti a carponi fra l’acqua: ne’ quali momenti è pericoloso il farsi loro da presso. Costoro vengono chiamati lupi-manari.
  2. Pioggia dirotta e continua.
  3. Pioggia forte e improvvisa, che poi rallenta.