Sonetti romaneschi II/Er fienarolo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li fijji impertinenti L'impieghi novi


[p. 208 modifica]


ER FIENAROLO


 
     Sí, ssí, per dio! sí, ssí, per cristo santo!
Tu l’hai rubbato er fieno a le bbarrozze.
Ma prega Iddio te sciaritrovi accanto
Che tt’arimanno co l’orecchie mozze.
              
     Cos’è? cche ddichi? Oh Vvergine der Pianto!
Tu le ficozze1 a mmé?! ttu le ficozze?
Fa’ mmosca,2 fa’; ché ssi tte dài sto vanto,
Tu, ggranelletto mio, m’inviti a nnozze.
              
     Senti chi vvò rrugà! ssenti chi pparla!
La pietra de lo scannolo de Bborgo,
Che ttutto cuer che ppesa è in de la sciarla!
              
     Oh, ssai cuer che tte dico? Abbi ggiudizzio,
O a la prima che ffai, che mme n’accorgo,
Gatto mio bbello, io te sce levo er vizzio.


Roma, 4 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Contusioni nel capo.
  2. Taci.