Sonetti romaneschi II/Er fuso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li Morti arisusscitati Er marito contento


[p. 334 modifica]


ER FUSO


 
     Passò er tempo che nnoi tresteverini
Co la ggiacchetta in collo e ’r fuso in mano,
Arrivàmio2 inzinenta a li confini
De le chiappe der Monno, e ppiú llontano.
              
     Ar giorno d’oggi er popolo romano
Pare una nuvolata de moschini,
Che, ssi vvai a vvedé lli bburattini,
N’acciacchi mille sbattenno le mano.
              
     Povera Roma, a cche tte serve er fuso?
Pe ffilà le carzette a un cardinale!
Anzi nemmanco t’è ppiú bbono a st’uso.
              
     Pe vvia che ttutta la corte papale
Vò robba foristiera; e intanto ha er muso 3
De facce4 pagà a nnoi cuello che vvale.


Roma, 9 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. S’intenderà nel corso del sonetto essere il fuso preso in due sensi.
  2. Arrivavamo.
  3. Sfrontatezza.
  4. Farci.