Sonetti romaneschi II/Er giorno de Natale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er giorno de Natale

../La viggija de Natale ../Er primo descemmre IncludiIntestazione 21 dicembre 2016 75% Sonetti

La viggija de Natale Er primo descemmre


[p. 179 modifica]


ER GIORNO DE NATALE1


[2.]


     Sti poveri canonichi stanotte
Nun hanno fatto antro c’una vita:
Canta che tt’aricanta!2 eh a ffasse fotte
Sta galerra, per dio, cuann’è ffinita!

     Povera ggente! tanto bbrave e ddotte,
Si ddureno un po’ ppiù, pe’ llòro è ita!
Bbono che ppoi c’è er zugo de la bbotte,
Pe’ rrimetteje er zangue a la ferita.

     Anzi, stanotte, ciaripenzo mone,3
Sempre è stato a bbullì ccerto callaro4
Pieno d’acquaccia e petti de cappone.

     E ppe’ cquesto hai veduto, Orzola mia,
Che, de sti preti sciorcinati,5 un paro
Ne curreva ogni tanto in zagristia.


Note

  1. [Questo sonetto è senza data. Ma dall’essere scritto dietro al precedente, e dalla sua affinità con esso, mi par chiaro che dovesse collocarsi qui.]
  2. Canta e ricanta, sempre cantare.
  3. Ci ripenso ora.
  4. Caldaia.
  5. Meschini, tapini.