Sonetti romaneschi II/Er giubbileo I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er zanatoto ossii er giubbileo Er giubbileo II


[p. 241 modifica]


ER GIUBBILEO I


 
     Er giubbileo1 me piasce: e nnun confonno
Come li frati er coro e ’r rifettorio.
Lui è bbono a cchi ttribbola in ner monno
E a cchi sta ttribbolanno in purgatorio.
              
     Io però ddico che ppapa Grigorio
Doveva dà la tasta un po’ ppiú a ffonno;
Perché, ccazzo, sto Deusinaddiutorio
Nun è a Rroma né er primo né er ziconno.
              
     Chi ccampa co le mmaschere, fratello,
Sto ggiubbileo nun ha da dillo un furto,
Un’invenzion der diavolo, un fraggello?
              
     Si st’anno er carnovale fussi longo,
Bbuggiarà er giubbileo:2 ma è ttanto curto!
Bbasta, speramo che cce naschi un fongo.3

no match[modifica]

Roma, 13 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Questo tesoro spirituale colpì il finire dell’anno 1832 e il cominciare del 1833.
  2. A la buon’ora il giubileo.
  3. Cioè: “che ci nasca di mezzo un accidente impensato, come i funghi sorgono dove non si aspettano„.