Sonetti romaneschi II/Er giubbileo II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er giubbileo I Er musicarolo


[p. 242 modifica]


ER GIUBBILEO II


 
     Cqui nun c’è da dà gguazza,1 sor baggeo: 2
Er Papa, grazziaddio, nun è un cojjone;
E ssubbito3 c’ha mmesso er giubbileo
Ciaverà avuto le su’ gran raggione.
              
     Prima de tutto cuer zu’ amico abbreo
Che jje venne4 un mijjaro pe un mijjone,
Ggira ancora cqua e llà strillanno aeo 5
Senza viení a la santa riliggione. 6
              
     Ma cche stamo a gguardà ll’abbreo Roncilli!
Ve pare che cce siino sott’ar zole
Poc’antri ladri cqui da convertilli?
              
     Ecco duncue che ssenza èsse bbizzoco
Se pò strigne er discorzo a ddu’ parole:
Che un giubbileo pe ttanti ladri è ppoco.

no match[modifica]

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Beffe.
  2. Persona che affetta lo spiritoso, il grazioso, ecc.
  3. Posto che.
  4. Vende.
  5. Grido degli ebrei che van girando per roba di ricatto.
  6. Vedi su ciò il son…