Sonetti romaneschi II/Er motivo de li guai

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La mmaschera Una casata


[p. 253 modifica]


ER MOTIVO DE LI GUAI


 
     Lo volete sapé? vve lo dich’io
Perché Rroma se trova in tant’affanni:
Ve lo dich’io perché Ddomminiddio
Ce fa ppiove sta frega de malanni.
              
     È pperché er Papa s’è ffatto ggiudio
E nun ha ppiú de Papa che li panni:
È pperché li ggiudii da papa Pio 1
Nun porteno piú in testa li ssciamanni. 2
              
     Adesso se sperava arfinamente 3
De védelo sto scànnolo levato,
Ma, gguai pe nnoi, nun ze ne fa ppiú gnente:
              
     Perché ppapa Grigorio c’ha ppijjato
Tanti cuadrini da un giudio fetente, 4
J’ha vvennuto, per dio, Roma e lo Stato!

no match[modifica]

Roma, 17 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Pio VIII.
  2. Lo sciammano era un cenciolino che gli Ebrei dovevano portare sul cappello in segno del loro ludibrio.
  3. Finalmente.
  4. Vedi i sonetti…