Sonetti romaneschi II/Er pittore de Sant'Agustino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tutt'una manica Li gusti


[p. 171 modifica]


ER PITTORE DE SANT'AGUSTINO


 
     Che spesce t’ha da fà che sto scoparo
De pittore che ttiè cquel’arzenale
De ritratti, in un’ora o ar più in un paro
Te fa ssenza vedello un cardinale?!
              
     Pe cquesto abbasta de pijjà un zomaro
E ddipignelo doppo ar naturale,
E tte pianti addrittura in un telaro
Tutt’er Zagro Colleggio tal’e cquale.
              
     Le Minenze e li ciucci, ecco er motivo,
Sò tutti cuanti de l’istessa scòla
E nnissuno sa ddi ssi è mmorto o vvivo.
              
     Sò ll’uni e ll’antri una sarciccia2 sola:
Sò ccome la cannella e ’r lavativo:
Una spesce de Cola e mmastro Cola.


Roma, 29 novembre 1832


Note

  1. Sulla piazza di Sant’Agostino dimorava un pittore, celebre per grossolani ma somigliantissimi ritratti.
  2. Salsiccia.