Sonetti romaneschi II/Er portogallo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La milordarìa L'indiani


[p. 154 modifica]


ER PORTOGALLO


 
     “Cuanno ho pportato er cuccomo ar caffè,
Mamma, llà un omo stava a ddí accusí:
Er Re der portogallo vò mmorí
Per un cristo c’ha ddato in grabbiolè. 1
              
     Che vvò ddí, Mmamma? dite, eh? cche vvò ddí?
Li portogalli2 puro ciànno er Re?
Ma allora cuelli che mmagnamo cquì,
Indove l’hanno? dite, eh, Mamma? eh?„
              
     “Scema, ppiú ccreschi, e ppiú sei scema ppiú:
Er portogallo è un regno che sta llà,
Dove sce regna er Re che ddichi tu.
              
     Ebbé, sto regno tiè sto nome cquà,
Perché in cuelli terreni de llaggiú
De portogalli sce ne sò a ccrepà„.3

no match[modifica]

Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Veramente don Michele di Braganza si offese molto per una caduta di cocchio.
  2. Cedri, aranci.
  3. A crepapelle.