Sonetti romaneschi II/Er portone d'un Ziggnore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er portone d'un Ziggnore

../L'innustria ../Le Messe IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

L'innustria Le Messe


[p. 275 modifica]


ER PORTONE D'UN ZIGGNORE


 
     Nu lo sai si cch’edè sta puzzolana, 1
C’ha ccuperto de fanga mezzo mijjo?
È pperché ll’antro jjeri sta puttana
De principessa ha ppartorito un fijjo!
              
     Si ttu ppoi bbutti doppo la campana
Sur monnezzaro un granello de mijjo, 2
Te spojjeno la casa sana sana,
E ssi rrughi3 te fotteno in esijjo.
              
     Nun zerve cqua de mozzicasse er dito:
La legge4 è pp’er cencioso: e cche tte credi?
Annerà ssempre come sempre è ito.
              
     Vedi mó ssi cche bbuggera! ma vvedi!
Perché ssú la siggnora ha ppartorito,
Noi ggiú cciavemo da infangà li piedi.

no match[modifica]

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Pozzolana.
  2. È in Roma una legge recente, per la quale non si possono gettare immondezze che di notte.
  3. Rugare, cioè: “rispondere arditamente, difendersi„, ecc.
  4. Pronunziato con entrambe le e aperte.