Sonetti romaneschi II/Er predicatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La faccia de la luna Er madrimonio de la mi' nipote


[p. 377 modifica]


ER PREDICATORE


 
     Un gran predicatore ha ppredicato
Oggi a la cchiesa de Sant’Agustino!
Sentime:1 un antro Padre Remolino
Nun c’è oro che ppòzzi2 èsse pagato.
              
     Pe pperzuade3 a ttutti ch’er peccato
Nun è una cosa bbona, Ggiuacchino,
Sto bbon zervo de Ddio parla latino
E sse smazza4 che ppare un spiritato.
              
     T’abbasti cuesto cqui, cche a l’improviso
Ha ddato sopr’ar purpito un cazzotto
Che mm’ha ffatto strillà: “Ppòzzi èsse impiso!„. 5
              
     Che aratore,6 per dio! che omo dotto!
Sino è arrivato a ddí cche in paradiso
Nun pò entracce7 oramai che un cacasotto!8


Roma, 19 gennaio 1833


Note

  1. Sentimi.
  2. Possa.
  3. Persuadere.
  4. Smazzarsi: scalmanarsi.
  5. Che tu possa essere impiccato: frase napolitana, in onore anche a Roma.
  6. Oratore, intendiamoci bene.
  7. Entrarci.
  8. Un fanciulletto.