Sonetti romaneschi II/Er prestito de l'abbreo Roncilli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er corpo de guardia scivico L'ordine de Cavallaria


[p. 11 modifica]


ER PRESTITO DE L'ABBREO RONCILLI


 
     Ma eh? Cèssummaría!2 che Mmonno tristo!
Fin che sse vedi fà a li ggiacubbini
Va bbe’, ma un Papa ha da pijjà cquadrini
Da un omo c’ha ammazzato Ggesucristo!
              
     Uh rriarzassi la testa Papa Sisto
Ch’empí zzeppo Castello de zecchini 3
Strillerebbe: “ah ppretacci mmalandrini,
C’era bbisogno de sto bbell’acquisto?
              
     Nun ciavete perdio tanta de zecca
Pe cugnà mmille piastre ogni minuto,
Senza falle vení sin da la Mecca?
              
     E cco ttutto sto scànnolo futtuto
Maneggiate a Ssan Pietro la bbattecca 4
=== no match ===

Pe bbuggiarà la ggente senza sputo„.


9 gennaio 1832 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Vedi l’altro sonetto intitolato La sala de Monzignor Tesoriere.
  2. Gesù Maria, esclamazione ordinaria di maraviglia.
  3. Allude ai cinque milioni depositati da Sisto V in Castel Sant’Angiolo.
  4. Bacchetta, col cui tocco sul capo i Penitenzieri della Basilica Vaticana cancellano i peccati veniali di chi genuflette avanti ad essi.