Sonetti romaneschi II/Er pupazzaro e 'r giudisce

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'abbichino de le donne Er pupazzaro e 'r giudio


[p. 288 modifica]


ER PUPAZZARO E 'R GIUDISCE


 
     Io nun zò, mmojje mia, tanto merlotto,
Ma mme sò ttrovo co le spalle ar muro. 1
Propio er giudisce, lui, venne ar casotto! 2
Che jj’avevo da dí? “Sse servi puro„. 3
              
     E cce vorze fà er conto, er galeotto!
Me diede du’ zecchini e un pezzoduro;
E llassò er zervitore de sicuro
Pe ffàsseli aridà ssotto cappotto. 4
              
     Puntuale er decane5 torcimano, 6
Come le ggente se ne furno ite,
Me fesce un ghiggno e ppoi stese la mano.
              
     Che cce vòi fà? sò stoccate7 pulite,
Trucchi d’abbilità,8 stile romano.
Ma, ar meno, ce darà vvinta la lite.


Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Senza modo di scampo: compromesso.
  2. All’ingresso dell’Avvento si ergono sulla Piazza di S. Eustachio alcune botteghe di legno, chiamate casotti, nelle quali, fino alla Natività di Cristo, vendonsi figurine di terra cotta per uso di presepio; e quindi, sino alla Pasqua Epifania, balocchi e cianfrusaglie per befane: di che vedi il sonetto…
  3. Si serva pure liberamente.
  4. Per farseli rendere di soppiatto.
  5. Vedi la nota 1 del sonetto.
  6. Turcimanno, che, nel nostro caso, dicesi anche a Roma manutengolo.
  7. Dare una scoccata vale: “chieder danaro senza esserne creditore„.
  8. Espilazioni astute.