Sonetti romaneschi II/Er ringrazziamento cor botto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Uprite la finestra Le mura de Roma


[p. 268 modifica]


ER RINGRAZZIAMENTO COR BOTTO


 
     Bbravo sor Papa e ssor Governatore!
Bbravo sor Cammerlengo e ssor Vicario!
Bbravo sor Tesoriere e ssor Datario!
Bbrave sore ggentacce de bbon core!
              
     Mettetesce gabbelle a ttutte l’ore:
Fate de ppiú, llevatesce er zalario:
Biffatesce er cammino e ’r nescessario,
E vvennetesce inzino er giustacore.
              
     E cquanno semo tutticuanti iggnudi,
E cco le bbraghe nostre e le camisce
Se sò accozzati scentomila scudi,
              
     Siccome a Rroma sc’è ssempre chi scrocca,
Se chiama un appartista, e jje se disce:
“Cqua, ssor ladro futtuto, uprite bbocca„.


Roma, 22 dicembre 1832 -Der medemo