Sonetti romaneschi II/Er rosario in famijja

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Una bbella divozzione Er bracco rinciunciolito


[p. 219 modifica]


ER ROSARIO IN FAMIJJA


 
     Avemmaria... lavora... grazia prena...
Nena, vòi lavorà?... ddominu steco...
Uf!... benedetta tu mujjeri... Nena!...
E bbenedetto er frú... vvà cche tte sceco?... 1
              
     Fruttu sventr’e ttu Jeso. San... che ppena!...
Ta Maria madre Ddei... me sce fai l’eco?...
Ora pre nobbi... ma tt’aspetto a ccena...
Peccatori... Oh Ssignore! e sto sciufeco 2
              
     De sciappotto3 laggiú ccome sce venne?
Andiamo: indove stavo?... Ah, ll’ho ttrovato:
Nunche tinora morti nostri ammenne.
              
     Grolia padre... E mmó? ddiavola! bbraghiera!
Ho ccapito: er rosario è tterminato:
Finiremo de dillo un’antra sera.


Roma, 7 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Formola di sfida, cioè: Quanto va che io ecc.
  2. Checchessia di sgarbato e di goffo. Dicesi però più delle persone che delle cose.
  3. Lavoro imbrogliato.