Sonetti romaneschi II/Er sede

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er sede

../Er primo descemmre ../Er decretone IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Er primo descemmre Er decretone


[p. 181 modifica]


ER SEDE


 
     Una vorta le cchiese, Angelo mio,
Tuttecuante ciaveveno li bbanchi:
Ma mmó bbisogna c’arincreschi2 a Ddio,
Perché ttrovi cqua e llà li muri bbianchi. 3
              
     E ssan Marco4 hai da stà ssu li tu’ fianchi
Si nun te vòi sdrajà ccom’un giudio:
E ssi la Messa dura assai, per bio, 5
Co sto tanto stà ssú, fijjo, te sscianchi. 6
              
     Però a ttutte le cose s’arimedia:
E cquanno te viè a ttufo7 de stà in piede,
C’è er chirichetto che tte dà la ssedia.
              
     E accusí in de le cchiese oggi se vede
Cuer che pprima vedevi a la commedia:
Senza er cumquibbo8 nun te metti a ssede.

no match[modifica]

Roma, 1° dicembre 1832


Note

  1. Il sedersi.
  2. Convien dire che rincresca ecc.
  3. Vacui.
  4. Per forza.
  5. Modo di giuramento elusorio della bestemmia.
  6. Sciancarsi: ficcarsi le gambe, che il popolo chiama cianche.
  7. Venire a noia.
  8. Il cum-quibus, il denaro.