Sonetti romaneschi II/Er tempo cattivo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er tempo cattivo

../Er tempo bbono III ../L'inverno IncludiIntestazione 30 aprile 2010 25% Sonetti

Er tempo bbono III L'inverno


[p. 416 modifica]


ER TEMPO CATTIVO


 
     C’aria serrata! oh ddio che ttemporale!
Guarda, guarda San Pietro cor cappello! <ref>

[p. 417 modifica]

Il Vaticano è a ponente verso il mare. Allorché i nugoli si addensano sovr’esso, dicesi avere S. Pietro messo il cappello, ed è ai Romani indizio di pioggia. </ref>
Oh cche ttempo da lupi! oh cche ffraggello!
Eh cqua ssemo ar diluvio univerzale.
              
     Ogni goccia che vviè ppare un canale:
Fa un’acqua a vvento, un piove1 a mmulinello,
Che nnun pòi tiené ssú mmanco l’ombrello,
E ssi ll’arregghi2 uperto nun te vale.
              
     Er celo è nnero nero com’in bocca:
E, o vvadi immezzo o accosto a le gronnare, 3
Credi sempre de stà ssotto a una bbrocca.
              
     Le pianare4 sò ffiumi e nnò ppianare:
Ggià nnun c’è ppiú una chiavica che imbocca,
E ’r fiume cressce che Rripetta5 è un mare.

     15Che sperpetua!6 Nun pare
Che Iddio vojji ruprí7 le cataratte,
E scateni li diavoli a ccommatte? 8
              
     E cche ffai, Ggiosaffatte?
Eschi da casa mó ppe ffà ddu’ passi?!
20Chi nnun l’ha sse la scerca, e ttu lla lassi! 9
              
     Co sti nuvoli bbassi
Speri che slarghi e cche tte dii ’no scanzo?!
Tu vvòi fà la tu’ fine a Pporto-d’Anzo. 10
              
     Ma aspetta a ddoppo-pranzo:
25stamo a vvede11 un po’ ppiú: llassa che sfoghi;
Ché cco sta lússcia12 cqua, fijjo,
=== no match ===
t’affoghi.


Roma, 7 febbraio 1833


Note

  1. Un piovere.
  2. E se lo reggi.
  3. Grondaie.
  4. I rivi d’acqua scorrenti per mezzo alle vie in tempo di pioggia.
  5. Il minor porto di Roma sul Tevere.
  6. Rovina pertinace.
  7. Voglia riaprire.
  8. Combattere.
  9. Lasci.
  10. Porto d’Anzio.
  11. Stiamo a vedere.
  12. Lúscia: acqua dirotta e continua.