Sonetti romaneschi II/Er terramoto de venardí

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ommini der Monno novo Er medemo I


[p. 38 modifica]


ER TERRAMOTO DE VENARDÍ


 
     Rimonno2 ha scritto da Fuligno ar nonno
C’un trave che ccascò dar primo piano,
Mentre lui stava a ppranzo in ner siconno
L’acchiappò in testa e jje stroncò le mano.
              
     E sseguita la lettra de Rimonno
Che nun c’è bbarba-d’omo de cristiano
Che ss’aricordi da che mmonno è mmonno
Un antro terramoto meno piano.
              
     E ddisce ch’è un miracolo chi ccampi,
Perché la scossa venne a l’improviso
Peggio de cuer che viengheno li lampi.
              
     E mmó, pe nnun fà er fine de li sorci,
E nnun annà, ddio guardi, in paradiso,
Stanno tutti in campagna com’e pporci.


19 gennaio 1832 - De Pepp’

no match[modifica]

er tosto


Note

  1. Il terribile terremoto di Foligno, del venerdì 13 gennaio 1832, alle due pomeridiane, che si sentì leggiermente anche a Roma.
  2. Raimondo.