Sonetti romaneschi II/Er tiro d'orecchia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
È 'na Bbabbilonia Mamma scrupolosa


[p. 283 modifica]


ER TIRO D'ORECCHIA


 
     Sor Natale, se maggna sto torrone? 2
Sor Natale, se maggna sto pangiallo? 3
Per arregges’in piede co sto callo
Sc’è ggran nescessità de cose bbone.
              
     Io da jjerammatina a ccolazzione
Nun ho mmaggnato ppiú cc’un portogallo 4
E sto dd’allor’impoi sempr’a ccavallo
Pe ppoté ffà ’na bbona indiggistione. 5
              
     Duncue vedete voi si ccon che ccore,
Trovannome, diograzzia, a ppanza vòta,
Io potería dà ssotto e ffamme onore.
              
     E cquanno ho ddato l’abbriva a la rota,
Le fijje vostre ponno stà a l’odore,
Ch’io nun je fo rrestà mmanco la dota.

no match[modifica]

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Nel giorno onomastico di alcuno, si fa a lui, o si dice di farlo, il tiro delle orecchie, che significa o allungargli le orecchie, la grandezza delle quali significa vita lunga; ovvero forzarlo a pagare la festa, dappoiché farsi tirar l’orecchia dicesi di coloro che a difficoltà concedono.
  2. Un mandorlato che si mangia a Natale.
  3. Un pane con mandorle, uve-passe, cibo della medesima circostanza.
  4. Cedro arancio.
  5. Digestione.