Sonetti romaneschi II/Er tisico

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er callarone La cannonizzazione



[p. 330 modifica]

ER TISICO


 
     Cuesto oggnuno lo sa: ppila intronata
Va ccent’anni pe ccasa:1 e tte l’ho ddetto.
Mó mm’accorgio2 però cch’er poveretto
Sta vviscino a ssonà lla ritirata. 3
              
     Già ffin dar tempo che sposò Nnunziata
Le scianche je fasceveno fichetto; 4
E ffinarmente s’è allettato a lletto
Perch’era ppiú ll’usscita che ll’entrata.
              
     Nun tiè ppiú ffiato da move le bbraccia:
E cchi lo va a gguardà ssu cquer cusscino,
Je vede tutta Terrascina5 in faccia.
              
     Io metterebbe er collo s’un quadrino
Che nnu la cava: e ggià la Commaraccia
Secca de Strada-Ggiulia6 arza er rampino.7

no match[modifica]

Roma, 8 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Proverbio.
  2. Mi accorgo.
  3. Proverbio.
  4. Far le gambe fichetto, vale: “piegarsi per fiacchezza„.
  5. Terracina. S’intende che qui è in senso translato di terra.
  6. La comare secca, cioè “la morte„, di Strada Giulia, dalla via di questo nome, nella quale è la Chiesa della Morte.
  7. Falce.