Sonetti romaneschi II/Er ventidua descemmre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er zegretario de Piazza Montanara Li fratelli Mantelloni


[p. 259 modifica]


ER VENTIDUA DESCEMMRE


 
     Propio cuesta che cqui nnun ve la passo,
De dí cche sto governo è un priscipizzio.
Sor coso1 mio, levàtevelo er vizzio
De laggnavve accusí dder brodo grasso. 2
              
     Er Zantopadre, pe ddiograzzia, è ll’asso, 3
È un testone,4 è un papetto5 de ggiudizzio:
E ssi ariviè ssan Pietro a ffà st’uffizio,
Lui se ne frega e sse lo porta a spasso. 6
              
     Oggi (e cqua vvedi cuant’è ssanto e ddotto)
Voleva ggiustizzià er Governatore
Scerti arretrati, che ssò ssette o otto. 7
              
     Sai c’arispose er Papa a Mmonzignore?
“Giustizzia?! che ggiustizzia; io me ne fotto:
Ner giubbileo8 se nassce e nnun ze more„.


Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Qui sta come nome di disprezzo: ma generalmente tutti gli enti onde ignorasi il nome sono coso o cosa, donde poi il verbo cosare.
  2. Cioè: “del buono e del comodo„.
  3. È impareggiabile, come l’asse di certi giuochi di carte.
  4. Equivoco fra gran testa e una moneta da tre paoli.
  5. Altro equivoco fra moneta da due paoli, di cui vedi il son…, e il diminutivo di Papa. Questi diminutivi come è un ometto, è un figurino, e simili, si adoperano anzi per dare importanza al soggetto.
  6. Gl’impone.
  7. Il 22 dicembre 1832 doveva infatti accadere l’esecuzione di queste sentenze capitali, e l’andò come qui dicesi.
  8. Su tal giubileo vedi sonetti…