Sonetti romaneschi II/Er vitturino aruvinato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li santissimi piedi È 'gnisempre un pangrattato


[p. 158 modifica]


ER VITTURINO ARUVINATO


 
     Che m’aricconti a mmé, ssi’ bbenedetto,
De cuer c’ar monno è bbene e cquer ch’è mmale!
Cuaggiù, sse sa, nun c’è pp’er poveretto
Né ggiustizzia, né Ddio, né ttribbunale.
              
     Me mannassino puro a ’no spedale,
Nun me vojjo dà mmica un crist’in petto: 1
Però all’antri carzoni2 è cche ll’aspetto:
Ma ll’aspetto ar ggiudizziuniverzale.
              
     Pe ttre ppiastre futtute de gabbella,
Ch’er Papa ha mmesso pe arricchí er zor Conte,
Magnàmmese cavalli e ccarrettella?!
              
     Che sse strozzino er carro de Fetonte!
Ma cce vieranno llà, ddio serenella,
Co ttuttecuante ste gabbelle in fronte!3

no match[modifica]

Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Non voglio disperarmi.
  2. All’altro mondo.
  3. Espressione consentanea al principio che nella valletta di Giosafat, presso Gerusalemme, compariranno al giudizio di Cristo tutti gli uomini di tutti i secoli co’ loro peccati scritti sulla fronte: secondo miracolo di spazio.