Sonetti romaneschi II/Er zale e ll'antre cose

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le funzione eccresiastiche Le caluggne


[p. 314 modifica]


ER ZALE E LL'ANTRE COSE


 
     Hai ’nteso in de l’editto1 si cche ggnocchi 2
Fa ingozzà er Papa ar popolo fedele?
Che snerbature co ttutti li fiocchi 3
Che mmanco se daríano a Ssammicchele? 4
              
     Mó vvò mmaggnà st’antri pochi bbajocchi.
Ma ggià, cchi ne la panza sce tiè er fele,
Nun ce vonn’antro che bbabbussi e alocchi
Per aspettasse che jje cachi er mele.
              
     Te laggni! ma ssicuro che mme laggno,
E la bbocca che cciò5 nnun me la cuscio:
Ogn’editto che vviè, ssempre compaggno!
              
     Eppoi, cosa te credi? co sto sfruscio 6
De chiacchierate e dde gabbelle, un raggno,
Ch’è un raggno, nun lo cacceno dar buscio.7

no match[modifica]

Roma, 31 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Il famoso editto dell’aumento delle gabelle, state poco tempo prima disminuite dagli ultimi due antecessori del regnante Pontefice, e da Lui medesimo nelle peggiori circostanze dell’erario. Andò in vigore il primo giorno dell’anno 1833.
  2. Colpi, aggravi, ecc.
  3. Solenni.
  4. Casa di correzione per fanciulli.
  5. Che ci ho, che ho.
  6. Sciupinio.
  7. Non giungono al minore de’ successi: proverbio.