Sonetti romaneschi II/L'ammazzato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le raggione der Cardinale mio L'editti


[p. 166 modifica]


L'AMMAZZATO


 
     Da dietr’a Gghiggi, lí a le du’ salite,
Sin ar cantone der Palazzo Mutto, 1
Tra er coco e ll’oste ciasseguí2 la lite
Pe ’na visciga misera de strutto!
              
     Er morto poi passò a le Convertite 3
Viscin’a Spada:4 oh ddio cuant’era bbrutto!
Pieno da cap’a ppiede de ferite
Che ppisciolava sangue dapertutto.
              
     E cché! ssemo a li tempi de Nerone,
Che le lite, per dio, tra li cristiani
Nun z’abbino da fà mmai co le bbone?!
              
     Che ssemo diventati noi Romani
Che ppe mmanco d’un pelo de cojjone
Ciavemo da sbramà5 ccome li cani!


Roma, 29 novembre

no match[modifica]

1832


Note

  1. Il palazzo Mutto, dove fu ucciso da una mano incognita Ugone Basse-Ville.
  2. Ci seguì.
  3. Luogo del Corso ove prima era una casa religiosa di rifugio per le donne di mal affare ridotte a penitenza.
  4. Abilissimo orologiaio.
  5. Sbranare invece di sbramare.