Sonetti romaneschi II/L'appiggionanti amorosi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le caluggne La viaggiatora tramontana


[p. 316 modifica]


L'APPIGGIONANTI AMOROSI


 
     S’io fussi ricco, e avessi case cuante
Finestre aveva er Duca Mondragone, 2
E vvolessi caccià un appiggionante
Che sse schifassi de pagà ppiggione;
              
     Mica lavorería de scitazzione
Pe appiccicamme addosso er visscigante
D’un mozzorecchio e un giudisce cojjone,
Che ssò ccome ch’er boja e ll’ajjutante:
              
     Invesce der curzore co la frasca 3
Mannería ’n archidetto a l’abborita 4
A ddí: “Scappate, ché la casa casca„.
              
     E ar momento avería casa pulita:
Perché ll’omo nun stima antra bburrasca
Che cquella
=== no match ===
che lo cojje in de la vita.


Roma, 4 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Morosi.
  2. Palazzo di delizia nella città di Frascati, del quale, come di altri, va per la plebe la meraviglia dell’avere, come si dice, ugual numero di finestre che i giorni dell’anno.
  3. Citazione: modo ironico allusivo alla frasca dell’ulivo di pace.
  4. D’improvviso, senza complimenti.