Sonetti romaneschi II/L'astrazzione de Roma

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'astrazzione de Roma

../L'astrazzione farza ../La nasscita IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

L'astrazzione farza La nasscita


[p. 34 modifica]


L'ASTRAZZIONE DE ROMA


 
     Che cce vorressi fà? ciavevo tanta
Speranza a l’astrazzion de stammatina,
E vvarda si cche ssorte de scinquina!
Tre, ssette, ventiquattro, otto, quaranta.
              
     Buggiarà er cannarone1 che li canta 2
E cchi lli mette ggiú ne la terina: 3
Ch’io me voría ggiucà n’anguillottina 4
Si llí ddrento ce sò ttutt’e nnovanta.
              
     E pperché cc’è a l’Impresa er castelletto? 5
Pe cconcertasse prima tra de loro
Cuello c’ha da tirà ddoppo er pivetto. 6
              
     Ecco si cche vvò ddí cquer conciastoro, 7
Quer passamano8 addietr’ar parapetto: 9
=== no match ===

Nun ze sapessi mai tutt’er lavoro!


16 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Gridatore, persona di voce alta.
  2. Cantare i numeri è in Roma l’“annunziarli„.
  3. Bussolo d’argento in forma di urna, consimile presso a poco ad una zuppiera, detta in Roma terrina, e dal comune terina.
  4. Uno degli storpiamenti di guillotine (ghigliottina): quajjottina, anguillottina, ecc.
  5. Congregazione de’ notabili della Impresa de’ Lotti, i quali, raccolti insieme, mercé alcuni loro metodi riconoscono e mettono fuori di giuoco pel di più quei numeri che abbiano ecceduto nelle poste il carico delle vincite a cadaun numero assegnato.
  6. Fanciullo. È un alunno dell’ospizio degli orfani.
  7. Drappello composto dal prelato tesoriere e di altri camerali.
  8. I già detti, dal punto in che l’orfano estrae una palla e la dà per di dietro alle spalle, si vanno passando uno all’altro il cartellino numerato che dentro vi era: e ciò per verifica della susseguente pubblicazione.
  9. Della loggia di Monte-Citorio.