Sonetti romaneschi II/L'editti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ammazzato Er bottegaro


[p. 168 modifica]


L'EDITTI


 
     Ogn’editto e ogni straccio che sse legge
Te prometteno tutti Rom’-e-ttoma:
Ma cquanno semo a scaricà la soma
S’ariducheno a ssono de scorregge.
              
     Perché appena pe Rroma esce una Legge, 1
Ecco er zor A e ’r zor B ccor zu’ diproma:
E la Legge c’uscita era pe Rroma
S’arintajja, se castra e sse corregge.
              
     Poi, cqua ognuno commanna; e o ppe mmalizzia,
O ppe iggnoranza, o ppe rrispetti umani,
Nun trovi un cazzo chi tte fa ggiustizzia.
              
     Ecco in che ppiede stanno li Romani.
E cquesta è una Città? cche! sta sporchizzia?!
Nò, cchiamela per dio Terra de cani.


Roma, 29 novembre 1832


Note

  1. Pronunciata con entrambe le e aperte.