Sonetti romaneschi II/L'indiani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er portogallo Er temp'antico


[p. 155 modifica]


L'INDIANI


 
     “Mamma, perché mme dite cuarche vvorta:
Ssciò1 da li piedi, sor ometto indiano?„
“Perché in cuelli paesi ogn’omo è nnano,
E sse potria portà ddrent’a ’na sporta„.
              
     “Davero eh mamma? E ddite, da che pporta
S’esce pe annà llaggiú ttanto lontano?
D’indove sta a sserví Ttata a Bbracciano, 2
Mamma, la strada per annacce è ccorta?„
              
     “Fijjo, bbisogna legge l’abbichino 3
Pe cconosce ste cose: e nun c’è annato
Antro a sti lochi ch’er guerrin Meschino„. 4
              
     “Ma dduncue
=== no match ===
er Papa llà nnun c’è mmai stato?
Ma dduncue, mamma, chi jje manna inzino
Laggiù ll’editti de cos’è ppeccato?„.


Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Voce con cui si discacciano i polli, e in segno di spregio anche le persone moleste.
  2. Terra posta alle rive del Lago Sabatino.
  3. Abbaco.
  4. Guerriero e viaggiatore famoso presso il volgo, avidissimo di conoscere una leggenda stimata da esso forse il capo d’opera delle storie del mondo.