Sonetti romaneschi II/L'occhi sò ffatti pe gguardà

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li commedianti de cuell'anno Momoriale ar Papa


[p. 76 modifica]


L'OCCHI SÒ FFATTI PE GGUARDÀ


 
     Nun ve se pò gguardà, ssor Rugantino, 1
Sor Covielletto2 schiccherato a sguazzo? 3
Che sso, mai ve vienissi in der boccino 4
De trattamme all’usanza d’un regazzo!
              
     Se guarda una fascina d’un cudrino, 5
Un torzo, una merangola,6 un pupazzo,
E nnun z’ha da guardà sto figurino
Che se pò ddí zzero via zzero un cazzo! 7
              
     Cuanno che nun volete èsse guardato,
Perché nun state in de la vostra coccia 8
Senza roppe le palle ar viscinato?
              
     Io li par vostri me li ggiuco a bboccia;
E ssò ffigura pe cquer dio sagrato
De pisciavve mai mai9 puro in zaccoccia.


3 febbraio 1832 - De Pepp’

no match[modifica]

er tosto


Note

  1. Maschera assai in voga a Roma, il cui carattere consiste nell’insulto e nella timidità.
  2. Coviello, maschera oggimai disusata.
  3. Dipinto, con isbadata precipitazione, a guazzo.
  4. Capo.
  5. Quattrino: 1/5 di baiocco. Fascina, tre o quattro canne tutte raccolte in tralci secchi di vite.
  6. Melangola.
  7. Zero via zero, zero: nulla.
  8. Casa.
  9. Se occorre.