Sonetti romaneschi II/L'uomo bbono bbono bbono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li gusti La bbonifiscenza


[p. 173 modifica]


L'UOMO BBONO BBONO BBONO


 
     Ah! er bene che mme porta Monziggnore
È ccosa da nun crédese, Bbastiano.
T’abbasti a ddí cche, ppovero siggnore,
M’ha vvolzuto ammojjà co le su’ mano!
              
     E bisogna vedé si ccon che amore
Cúnnola2 el pupo mio che jj’è ffijjano! 3
Via, propio è un gran padrone de bbon core,
Un gran bravo prelato, un bon cristiano!
              
     E la notte che Nnanna ebbe le dojje,
Nun pareva che a llui fussino presi
Cueli dolori in cammio de mi’ mojje?
              
     Tutta la pena sua, la su’ pavura,
Era, perché la fesce de sei mesi,
Che jje morissi in corpo la cratura.


Roma, 30 novembre

no match[modifica]

1832 - Der medemo


Note

  1. A Roma è quest’adagio: Tre volte buono vuol dir coglione.
  2. Da cunnolare (cullare).
  3. Figlioccio.