Sonetti romaneschi II/La Sibbilla

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'appiggionante nova Una bbella divozzione


[p. 217 modifica]


LA SIBBILLA


 
     Ecchen’un’antra nova che mme porti!
Mo ar monno nun c’è stata la Sibbilla!
Ma nun zentissi2 er giorno de li Morti
Come lo disce chiaro la diasilla?
              
     Tu abbada ar coro de sti colli-storti,
Cuanno, piú è grosso er moccolo, ppiú strilla;
E ddoppo du’ verzetti corti corti,
Sentirai che vviè ffora una favilla.
              
     Appresso alla favilla esce una testa,
Ch’è la testa de Davide; e in ner fine
Viè una Sibbilla, e cquella antica è cquesta.
              
     Va bbe’ che cqueste sò storie latine;
Puro la concrusione è llesta lesta:
La Sibbilla c’è stata, e abbasta cquine.3


Roma, 7 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Per la Sibilla vedi il Son…
  2. Sentisti.
  3. Qui.