Sonetti romaneschi II/La bbazza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er poverello muto L'abbichino de le donne


[p. 286 modifica]


LA BBAZZA


 
     O de riffe, o de raffe,2 inzino a mmone
Sempre cuarche ffiletto3 s’ariduna.
Jer’assera arivonno pe ffurtuna
Du’ ggiuncate in froscella4 p’er padrone.
              
     E io, pe spartí ggiuste le porzione,
Una ne fesce vede a lloro, e una
Oggi che ggrazziaddio nun ze diggiuna
Me la sò mmaggnat’io pe ccolazzione.
              
     Me sò arinato!5 Eh ssi nun fussi lei6
Che mme lo mette sú, ccor ziggnor Pavolo
Dio sa l’incerti che cciabbuscherei.
              
     Ma llei? saette! nott’e ggiorno un gnavolo. 7
Va stitica8 ppiù ppeggio de l’Abbrei, 9
E ssa indove che ttiè la coda er diavolo. 10


Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Bazza, bazzetta, arrivar la bazza, ecc.: incontro fortunato di guadagno.
  2. O per fas o per nefas.
  3. Incerto.
  4. Fiscella.
  5. Sono rinato.
  6. La padrona.
  7. Querela petulante (miagolio).
  8. Andare stitico: essere duro, avaro.
  9. Gli ebrei hanno fama d’avarizia.
  10. È furba: proverbio.