Sonetti romaneschi II/La bbellona de Trestevere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er foconcino Una bbella mancia


[p. 389 modifica]


LA BBELLONA DE TRESTEVERE


 
     Si ha ccacca?!1 lei? nun je se pò ddí ggnente,
Nemmanco “che bbell’occhi avete in fronte„.
È ssuperbiosa come un accidente,
Piú cche ssi ffussi de cristal de monte.
              
     Gran brutto fà cco llei da protennente! 2
Lei nun vò ppe mmarito antro3 che un conte.
Penza mo ttu cche ppò sperà un minente 4
Che sta a ppescà cco la bbilancia a pponte. 5
              
     Oh, ppe bbellezza poi, propio è ssciarmante; 6
E pponno appett’a llei dàsse7 pe vvinte
Guasi staria pe ddí ll’anime sante.
              
     Ché nnun è ccome ste facce dipinte
De Siggnore de grinza,8
=== no match ===
che ssai cuante
Porteno cul de stracci e zzinne finte.


Roma, 24 gennaio 1833


Note

  1. Vanità.
  2. Pretendente.
  3. Altro.
  4. Minente, aferesi di eminente, è un trasteverino.
  5. Sotto i ponti di Roma, eccettuato quello di Sant’Angiolo (l’Elio), sono stabilite delle reti cosi dette a bilancia, le quali in forma di un cono rovesciato, e attaccate alle due estremità di un palo bilicato e impernato per via di un asse nel mezzo, sono aggirate dall’acqua corrente, ed una sorgendo quando l’altra s’immerge, pescano.
  6. Stupenda.
  7. Darsi.
  8. Di vaglia, distinte.