Sonetti romaneschi II/La cannonizzazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La cannonizzazione

../Er tisico ../Er cassiere IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Er tisico Er cassiere


[p. 331 modifica]


LA CANNONIZZAZIONE


 
     Domani se santifica a Ssan Pietro
Un zanto stato frate a Ssan Calisto,
Che ssu li santi pò pportà lo scetro,
E ha ffatto ppiú mmiracoli de Cristo.
              
     Tra ll’antri, a un ceco, duscent’anni addietro,
Che accattava oggni ggiorno a Pponte Sisto,
Lui je messe1 un ber par d’occhi de vetro,
E dda cuer giorn’impoi scià ssempre visto.
              
     ‘Na donna senza gamma de man manca 2
Se maggnò la su’ effiggia in ner pancotto,
E in men d’un ette je spuntò la scianca. 3
              
     A un’antra donna j’apparze in cantina,
E jje diede tre nummeri p’er Lotto:
Lei ggiucò er terno, e vvinze una scinquina.

no match[modifica]

Roma, 9 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Mise.
  2. Tutto quello ch’è alla sinistra parte dell’uomo s’indica dal volgo per cosa di man manca.
  3. Gamba.