Sonetti romaneschi II/La ggiustizia è cceca

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er barbiere Chi nnun vede nun crede


[p. 86 modifica]


LA GGIUSTIZIA È CCECA


 
     Perch’er Papa, a sti bbirbi,1 in de la gola
Nun j’intorcina un bravo collarino,
C’è cchi ddisce c’ha un core de purcino
E cchi pprotenne che llui fa cciriola. 2
              
     Ma llí a ppiazza de Sciarra in cuella scola
Dove s’impara a llegge er bullettino, 3
Su sto proposito oggi a un abbatino
J’ho inteso compità ’na gran parola:
              
     Ciovè ch’er Papa essennose informato
Ch’er cardinal Arbani4 ha ffatto e ha ddetto,
Te l’ha mmannato a Ppesero legato.
              
     Trattannose accusí co le Minenze,
C’è da sperà che armanco un cavalletto
Ce vienghi a cconzolà st’antre schifenze.5


7 febbraio 1832 - Der medemo


Note

  1. I liberali.
  2. Far ciriola è “quel tenere occulto dalla parte del giuocator contrario in fraude del compagno„.
  3. Gabinetto de’ giornali.
  4. Albani fu inviato Legato a Pesaro (per poi passare nella medesima qualità a Bologna, ecc.) nel… 1831.

  5. === no match ===
    Feccia d’uomini: i liberali.