Sonetti romaneschi II/La loggia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La vecchiarella ammalata Er ventricolo


[p. 122 modifica]


LA LOGGIA


 
     Ecco. Lui me chiamò, ddisce:1 “Miscelle, 2
Accetté muà una loggia pe sta sera„;
E io che sso che a cchi cconta bbajocchelle
Je ggireno le scigne3 a la testiera,
              
     Credenno che vvolessi er zor Tullera 4
Magnà lli fichi ar lume de le stelle,
Je prese ar cuinto piano una lendiera
Lí da strada-Felisce a le Zucchelle. 5
              
     Che vvôi! Come se trova su la loggia,
Hai visto ma’ un demonio scatenato?
Me misura un cazzotto e mme l’appoggia.
              
     Chiese6 una loggia? io lo portai sur tetto.
Chi vvò annà a la commedia, si’ ammazzato,
Ecco com’ha da dí: “Ccrompa un parchetto„.7


Roma, 14 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Dice.
  2. Michel, ecc.
  3. Cigne, per “cinghie„.
  4. Nome di scherno.
  5. Due contrade, la seconda delle quali mette capo sulla prima.
  6. Dimandò.
  7. Compera un palchetto.