Sonetti romaneschi II/La madre der cacciatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er diavolo Er vitturino saputo


[p. 137 modifica]


LA MADRE DER CACCIATORE


 
     E ssempre, Andrea, sta bbenedetta caccia
Co sti compagni tui priscipitosi!
Oggi sei stato inzino a Mmonterosi 1
E stanotte aritorni a la Bbottaccia! 2
              
     A mmé nnun me parlà de sti mengosi, 3
De st’archibbusci tui senza focaccia:4
Sai che sso io? che ffai troppa vitaccia:
Sai che mme preme a mmé? che tt’ariposi.
              
     Un giorno a ttordi, un antro a ppavoncelle,
Mó a bbeccacce, mó a llepri, mó a ccignali... 5
Ne vôi troppo ne vôi da la tu’ pelle.
              
     Fijjo, io ppiú te conzidero e ppiú ccali:
Andrea, le carne tue nun zò ppiú cquelle:
Crèdime, fijjo mio, tu mme t’ammali.


Roma, 22 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Paese a venticinque miglia da Roma, sulla via Cassia.
  2. Tenuta dell’agro-romano.
  3. Termine venatorio, significante un numero di cento uccelli.
  4. A percussione.
  5. Cinghiali.