Sonetti romaneschi II/La milordarìa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sto Monno e cquell'antro Er portogallo


[p. 153 modifica]


LA MILORDARÌA


 
     Ecco perché mm’ha ffatto un po’ la fessa 2
La prima vorta che llei m’ha vveduto:
Ero vestito da bbaron futtuto 3
Co la ggiacchetta che nnun zente messa. 4
              
     Lasseme tu pperò cche mme sii messa
La camisciola nova de velluto:
Famme dà ’n’allisciata co lo sputo,
E ddoppo sentirai che ccallalessa! 5
              
     Le femmine se sa cche ’gna ppijjalle 6
Co cquer po’ de tantin de pulizzia;
E allora de turchine ecchele ggialle.
              
     Damme tempo a sta pasqua bbefania 7
Che mme levi sti scenci da le spalle,
E vvederai che la pasciocca8 è mmia.


Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Astratto di milordo, derivante dall’inglese mylord, e significativo di eleganza nel vestire.
  2. La sguaiata.
  3. In vestito assai dimesso, anzi indecente.
  4. Abito da giorno feriale.
  5. Udirai che strepito di avvenimenti, o che colpo.
  6. Bisogna pigliarle.
  7. Pasqua Epifania. V. il sonetto…
  8. Bella donna e rotondetta.