Sonetti romaneschi II/La porpora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'immassciata de l'ammalato Chi ha ffatto ha ffatto


[p. 368 modifica]


LA PORPORA


 
     Ch’edè1 er colore che sse vede addosso
A ste settanta sscimmie de sovrani?
Sí, ll’addimanno2 a vvoi: ch’edè cquer rosso?
Sangue de Cristo? Nò: dde li cristiani.
              
     È er zangue de noi poveri Romani
Che jje curre a li piedi com’un fosso,
Cuanno sce3 danno in gola cor palosso 4
Come se fa a le pecore e a li cani.
              
     Ner zangue de noi pecore sta a mmollo
Cuella porpora infame; e a nnoi sta sorte
Tocca, per dio, da presentajje er collo.
              
     Epperò le patente de sta Corte
Sò ttutte in carta-pecora e ccor bollo:
Che pprima bbolla,5 e ppoi condanna
=== no match ===
a mmorte.


Roma, 17 gennaio 1833


Note

  1. Che è.
  2. Lo dimando.
  3. Ci.
  4. Stocco.
  5. Bollare, nel senso più ovvio ai Romaneschi, significa “togliere altrui il danaro con male arti„.